Storia & Visione

La storia

Il quartiere Milano 2 è stato ideato negli anni ’70 dagli architetti Ragazzi, Marvelli, D’Adamo, Possa ed Hoffer che su commessa di Edilnord e incarico dell’imprenditore Silvio Belusconi. I quattro giovani professionisti furono chiamati a unire elementi di modernità per realizzare non un insieme di case, ma un vero e proprio ecosistema vivibile.

Uno dei concept più innovativi fu pensare alla separazione tra auto e persone. Le auto quindi si lasciano in strada e poi si vive a piedi o in bicicletta; le case ed i negozi sono collegati tra loro da ponti. Il quartiere è dotato di piste ciclabili e pedonali. La raggiungibilità per disabili, anziani, passeggini è garantita in tutto il quartiere con percorsi dedicati o alternativi.
Alcuni condomini sono anche dotati di ascensori al piano strada per l’accesso agli immobili ai portatori di disabilità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Vision

La visione di Milano 2 continua oggi a rinnovarsi, attraverso un percorso di attenzione e cura del verde, alla qualità della vita, al controllo della rumorosità e dell’inquinamento anche con un’attenta cura delle essenze prescelte e della tutela dei residenti, anziani o disabili, mamme e bambini.

L’educazione ai concetti chiave per una vita in comune serena, attenta al rispetto della natura e degli animali, alla pulizia degli ambienti, alla manutenzione delle aree comuni, alla diminuzione della rumorosità e della luminosità celeste, sono solo alcuni degli aspetti che i residenti di Milano 2 condividono, tutti aspetti che insieme alla sicurezza della persona e all’offerta di servizi alla famiglia contribuiscono a rendere Milano 2 uno dei posti più belli in cui vivere oggi.